martedì, dicembre 11, 2007

In Italia Bush è idiota anche quando ha ragione.




Il lavoro più difficile è l’onestà. E continua a rivelarsi impossibile per i nostri giornalisti, negli scorsi anni tanto impegnati a dileggiare la figura di Bush e ad attaccare gli USA, ammettere ora che in gran parte si sbagliavano e fornire al pubblico italiano ciò a cui avrebbe diritto: un’informazione completa.

Così nessuno nel nostro Paese ha ritenuto degna di nota la risalita nei sondaggi di gradimento da parte del Presidente americano presso gli elettori, nessuno ha ritenuto interessante il successo della sua riforma scolastica, e soprattutto nessuno ha ritenuto opportuno dirci la verità su quel che sta accadendo in Iraq, da quando il comando è stato assunto dal Generale Petreus e da quando il numero complessivo di truppe è aumentato: la capitale è pacificata (in due mesi gli omicidi sono calati di più del 70%); nelle regioni un tempo più pericolose calano costantemente gli attentati; perfino Al-Queda ha ammesso in un recente video la sconfitta; e sempre più solide sembrano le milizie irakene addestrate per garantire autonomamente la sicurezza al proprio Paese nel futuro.
Non vorrei sembrare fissato con Luttazzi, ma visto che in questi giorni non si parla d’altro come posso non citare la puntata di Decameron del 1° dicembre, completamente tesa a fare propaganda antiamericana con i soliti luoghi comuni che sentiamo ripetere da cinque anni? Luttazzi, che tra un’infelice citazione biblica ovviamente anticattolica (che gli serve per paragonare le aragoste alla famiglia,come se fossero la stessa cosa e avessero lo stesso posto nella scala di valori che serve per interpretare i testi sacri), e il celeberrimo oltraggio a Ferrara, trova il tempo (lo riconosco) anche per qualche battuta geniale, è il classico esempio dell’uomo di spettacolo italiano: ideologico, cavalca l’onda del suo pubblico (antiamericanismo, pacifismo, banalità senza alcun sostegno empirico) e si schiera decisamente, totalmente, unilateralmente (ma guarda tu le coincidenze con l’odiato avversario a stelle e strisce…) a Sinistra. E l’italiano medio che fa? Ride. Sì perché il nostro concittadino classico preferisce ingurgitare le notizie (chiamiamole così…) mentre Luttazzi ingoia la cacca per fare satira (?): il nostro sinistroide della porta accanto è uno che preferisce continuare a credere che gli USA siano il male del mondo, piuttosto che ricordarsi che prima dell’11 settembre non c’era nessuna guerra; preferisce addirittura non escludere il complotto per le Torri Gemelle, piuttosto che ricordarsi che poi Al-Queda si è ripetuta a Londra, a Madrid, a Beslan, e in mille altri luoghi; preferisce continuare a credere che in Iraq va tutto male, che Bush è il cattivo e che il nostro esercito fa molto molto male a mantenere l’ordine, proteggere il governo democratico, prestare cure mediche alla popolazione e costruire scuole in Afghanistan.
Questo preferisce fare l’italico spettatore: non controllare i fatti, non pensare, ma subire la propaganda (e badate che ho citato Luttazzi, ma sul tema avrei potuto chiamare in causa un centinaio di altre persone)…sennò poi come fa a ridere?
Salo

21 Commenti:

Blogger Luca ha detto...

Caro Salo, eccomi di ritorno.

Sul miglioramento delle condizioni dei contingenti americani in Iraq ci sarebbe da dire molto. Petraeus ha fatto un discorsone un mesetto fa (se non sbaglio) dicendo che ritirarsi ora sarebbe un gravissimo errore, lasciando in mutande pure quei democratici Usa che affermavano l'importanza del ritiro delle truppe e che usavano come argomentazione la stanchezza dei militari. Petraeus ha detto che se i ragazzi sono stanchi è perchè sono troppo pochi. Risultato: non gliene hanno dati in più, ma almeno non glene hanno nemmeno tolti...

Su Luttazzi, che dire? Se solo usasse con intelligfenza la cultura che possiede, sarebbe davvero un buon comico. Invece ha deciso di fare l'epurato di professione, il primo ad essere cacciato da una rete che accoglie chi nelle altre non trova spazio. Non c'è che dire: ci vuole bravura anche in questo...

Buona giornata.
Luca.

1:48 PM  
Anonymous Jordi ha detto...

Basta prendersela con Luttazzi!!!!!!!!
Non è ne di destr ne di sinistra!

2:03 PM  
Blogger Salo ha detto...

Luca, a proposito di democratici in mutande, uno degli esponenti democratici maggiormente duri nel criticare Bush e la guerra, recentemente ha fatto una visita in Iraq e al ritorno è stato costretto ad ammettere che le cose stanno notevolmente migliorando e che la popolazione è ormai quasi ovunque tornata ad una vita normale, il tutto grazie alla nuova strategia vincente e ai passi sempre più decisi della neonata democrazia.
Su Luttazzi, anch'io credo che a volte sia geniale e che se evitasse alcuni eccessi sarebbe un grande; penso inoltre che sarebbe pure meno ricattabile...



Jordi, io non ce l'ho con Luttazzi: ho preso lui ad esempio perchè in questi giorni si parla un sacco della sua vicenda. Il discorso che mi interesa è molto più ampio e riguarda il mondo dell'informazione italiano (ed europeo) in generale: perchè certe notizie non vengono date? PERCHE'?
e perchè dopo cinque anni si è ancora ridotti a costruire intere trasmissioni per prendere in giro l'America???
Luttazzi non sarà di sinistra nel senso dell'essere inglobato e facilmente controllabile (questo sono io il primo a dirlo, e viene confermato pure dal fatto che i suoi difensori di sinistra ai tempi del governo Berlusconi, ora che sono al potere chissà perchè si sono scordati di restituirgli il posto in Rai...), ma dal punto di vista ideologico di fondo egli è sicuramente di sinistra.

2:13 PM  
Anonymous Jordi ha detto...

ma se Bush è il presidente chi altro deve prendere in giro Luttazzi?

2:57 PM  
Blogger Salo ha detto...

Jordi, mi sa che non hai capito...il mio era un discorso sull'informazione e su come gli italiani si accontentano delle stesse banalità da cinque anni, preferendo la facile risata antiamericana alla riflessione realistica...il tutto mentre i media non parlano dei cambiamenti positivi che ci sono stati.

2:59 PM  
Blogger Luca ha detto...

Perdipiù, caro Salo, ci sarebbe da notare che quei quotidiani internazionali LIBERI che criticano chi gli pare a prescindere dal colore politico, e che venivano citati a vangelo quando al Governo c'era il Silvio, ora che sputtanano alla grande Prodi, tanto uanto hanno fatto nella scorsa legislatura, nessuno si sogna nemmeno di leggerli, figuriamoci di citarli...

Luca.

3:57 PM  
Blogger Gabriele ha detto...

Salo mi pare che i media dell'Iraq non ne abbiano mai parlato abbastanza, nemmeno quando morivano mediamente 80 persone al giorno si filavano quella guerra/missione di pace, chiamatela come volete.
Stessa cosa vale per la camorra (se ne parla quando si arriva a 90 morti in un anno) e altri fenomeni nostrani. Quindi nel nulla mediatico italiano non mi stupisco che un miglioramento della situazione in Iraq (e comunque sulla situazione ci sarebbe da discutere per moolto tempo) passi in secondo piano.

Detto questo, voglio precisare che il tuo post ha il solito alone di qualunquismo, come al solito fai di tutta l'erba un fascio e come al solito trovi gustoso dare del coglione a chi non la pensa come te.

4:37 PM  
Blogger Luca ha detto...

Gabriele, magari Salo voleva solo fare un riferimento alla celeberrima uscita (più o meno felice a seconda dei punti di vista) in campagna elettorale, e al conseuente movimento spontaneo di persone che uscivano di casa con magliette con stampata la scritta "io sono un coglione".
Se se lo dicono da soli, non credo che debbano necessariamente offendersi se lo dice anche Salo...

Luca

5:05 PM  
Blogger Salo ha detto...

Luca, hai ragione. Infatti non ho toccato il tasto informazione-governoProdi solo per non aprire il vaso di Pandora: basta ricordare che abbiamo assisitito al piccolo golpe di un Viceministro senza che nessuno muovesse un dito!...

5:06 PM  
Blogger Salo ha detto...

Gabriele, veramente dell'Iraq fino a quando c'era un attentato al giorno ne sentivamo parlare eccome, non so tu dove fossi.
E visto che io per te sono "il solito" qualunquista (anche se cito dati e riporto fonti) e do del coglione a chi non la pensa come me (anche se vorrei sapere questo dove l'hai letto nel post), ti do un semplice consiglio: non visitare più il mio sito, nessuno ti obbliga!

5:08 PM  
Blogger Gabriele ha detto...

"il nostro sinistroide della porta accanto è uno che preferisce continuare a credere che gli USA siano il male del mondo bla bla bla"

ormai sei così abituato che non te ne rendi nemmeno più conto...cmq piccolo dettaglio, non voto e non voterei mai Silvio (quindi per te sono di sinistra e comunista) ma non credo che gli USA siano il male del mondo, non credo nel gomblotto 11 settembre e credo che gli americani sulla luna ci siano andati.

Ripeto, la nostra informazione è quella che è, si danno notizie solo se ci sono 80 morti al giorno, non ho detto che non ne parlavano, ho detto che non ne parlavano abbastanza, e da un po' non se ne parla proprio più, ma leggendo qua non sembra che non muoia più nessuno...

http://it.notizie.yahoo.com/approfondimenti/guerra-iraq-usa.html

5:24 PM  
Blogger Salo ha detto...

Ah e quello vorrebbe dire dare del coglione? Per me vuol semplicemente rilevare un dato di fatto: in giro è pieno di gente che crede a queste idiozie.
Sul link, non ho mica scritto che l'Iraq ora è Disneyland! Ho solo detto che ci sono stati progressi notevoli in molte regioni, e addirittura impressionanti nella capitale, tanto che migliaia di famiglie stanno tornando e la stessa Al-Queda ha ammesso la sconfitta.

5:28 PM  
Blogger Gabriele ha detto...

"Ah e quello vorrebbe dire dare del coglione? Per me vuol semplicemente rilevare un dato di fatto: in giro è pieno di gente che crede a queste idiozie."

in giro c'è anche gente che crede che Prodi (con quella faccia lì) sia un agente del kgb, gente che vota uno che in campagna elettorale, evidentemente non avendo di meglio da dire, nei comizi raccontava di quando i comunisti in Cina bollivano i bambini, facciamo la conta di chi crede all'idiozia più grossa? devo darti del destroide della porta accanto o del coglione a prescindere perchè sei orgoglioso di aver ricevuto l'attestato del corso di FI da lui? Quello è dialogare secondo te?

"che l'Iraq ora è Disneyland! Ho solo detto che ci sono stati progressi notevoli in molte regioni"

ho detto che hai detto che ora è disneyland?? era per confermare ciò che sostengo, ovvero che per certe notizie non c'è spazio nella nostra informazione. Non parlano di morti quotidiani, figurati se parlano di qualche miglioramento!

5:40 PM  
Blogger Salo ha detto...

Io non credo che Prodi sia un agente del KGB, ma credo che sarebbe opportuno indagare, non sotterrare la questione: c'è un pezzo di Storia d'Italia che viene quotidianamente occultato.
Perchè se c'è un'accusa a Berlusconi Mieli fa il titolone in prima pagine, si fa cadere il governo e si iniziano i processi, mentre se c'è un'accusa a Prodi non si dà nemmeno la notizia??? Questo è il punto, non se poi lui è o no stato al servizio del KGB.

Che i comunisti in Cina bollivano i bambini è un dato di fatto storico, che infatti nessuno ha osato smentire; se Berlusconi l'ha citato in campoagna elettorale è per far capire con che razza di gente si è alleato Prodi: gente che ancora crede in un'ideologia che ha fatto 100milioni di morti nel mondo, gente che ancora crede che il cittadino deve essere al servizio dello stato e non viceversa, gente che traduce i dispacci di quel folle psicopatico che governa la Corea del Nord, gente che ancora non ammette che a Cuba c'è la dittatura, gente che ancora ha parlato di odio di classe durante l'ultima campagna elettorale per le amministrative! Considerato questo, la battuta di Berlusconi non era poi così fuori luogo!
E sì sono orgoglioso di aver frequentato una scuola di formazione politica presso Forza Italia, così come dovrebbe essere orgoglioso chi la frequentasse presso il PD, visto che i giovani d'oggi pensano egoisticamente solo al loro presente e non credono più in nulla, ergo mai s'interessano alla politica.
E sì sono orgoglioso anche di aver stretto la mano a Silvio Berlusconi, che avrà mille difetti (come tutti, ma a lui se ne fa una colpa) e mille interessi (come tutti, ma il criminale chissà perchè è solo lui), ma resta l'uomo che ha salvato la nostra democrazia quando, nel '94, la Sinistra si apprestava a vincere le elezioni correndo in solitaria, avendo appena fatto fuori gli altri due partiti maggiori (DC e PSI) per mano della Magistratura, usata a mo' di martello politico. Silvio è sceso in campo e ha offeto un'alternativa a chi non voleva votare Occhetto: questo gesto salvò il pluralismo politico e, quindi, la democrazia in Italia. Ed io non l'ho dimenticato.

6:02 PM  
Blogger Tolomeo da Lucca ha detto...

Il sale della nostra sinistra è dipingere l'avversario politico come il male assoluto,sempre e comunque,anche quando ha palesemente ragione. Non per nulla Guareschi chiamava i comunisti trinariciuti. ( tra l'altro il prossimo anno sarà il centenario della nasciata di Guareschi:se ne rammenterà qualcuno dei tromboni giornalisti italiani?)Quel che soprende in malo è che i vizi di sessant'anni fa restino gli stessi anche oggi,dopo tutta l'acqua- rossa di sangue e violenze- che è scorsa sotto i ponti. Luttazzi non fa satira, ma propaganda politica demente e ancor più demente è chi lo ingaggia e lo guarda. Io lo manderei a zappare la terra,ah quanto gli farebbe bene apprendere quanto è bassa la terra! ( e nno solo a lui farebbe bn)

8:36 PM  
Blogger Salo ha detto...

Tolomeo, sono d'accrordo sui metodi della sinistra.
Su Luttazzi, io credo che il grande errore l'abbia commesso chi dall'inizio gli ha concesso di esprimersi in questi termini e con questo linguaggio. Ora è tardi per riparare e soprattutto risulta ipocrita e falsa la scusa di La7 per cacciarlo via. Come se quando l'hanno assunto non sapessero che elemento era...

10:50 PM  
Blogger Gabriele ha detto...

Il sale di Berlusconi è dipingere l'avversario politico come il male assoluto,sempre e comunque,anche quando ha palesemente ragione.

Vedi, ho sostituito Berlusconi alla sinistra e la frase ha comunque senso compiuto! La ragione è una sola, la pochezza politica (e generale) dell'Italia attuale! Non ci sono idee, la maggior parte della politica è scontro su temi insignificanti per la vita dei cittadini (bambini bolliti in primis) e slogan da terza elementare (meno tasse per tutti, anche i ricchi piangano, padania libera).

9:49 AM  
Blogger Salo ha detto...

Gabriele, Berlusconi non dipinge tutti gli avversari politici come male assoluto, ma solo i comunisti. E visto che è la Storia stessa a dirci che il Comunismo, come il Nazismo, è effettivamente un male assoluto, non vedo dove sia l'errore del presidente di FI.
Per gli altri avversari, cioè per i democratici, i socialisti e i riformisti, egli ha più volte espresso addirittura solidarietà, avvisando però che i loro buoni intenti moderati e a volte perfino condivisibili sarebbero stati schiacciati e soffocati dalle minacce dell'ala massimalista. Ciò che si è regolarmente verificato...

11:37 AM  
Anonymous http://pensieroliberale.ilcannocchiale.it ha detto...

Il problema è che da noi i comunisti(troppi) sono intelligenti(o meglio si definiscono tali) anche quando sbagliano(praticamente sempre).
Approfitto del momento goliardico per fare la nostra pesonale conoscenza.
Passa a trovarmi.
A presto.

11:26 PM  
Blogger Old Whig ha detto...

Benvenuto PensieroLiberale! Sarò felice di passare a trovarti!

11:32 PM  
Anonymous http://pensieroliberale.ilcannocchiale,.it ha detto...

Grazie per aver ricambiato la visita.
Ottimo blog.
Ti metto tra i link.
A presto.

12:24 AM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page