sabato, giugno 23, 2007


Un'estate di patetici (ed interessati) catastrofismi...




Non c’è niente da fare, dobbiamo prepararci psicologicamente: il tema di quest’estate sarà l’ambiente, il riscaldamento globale e la fine del mondo.
Trasmissioni, appelli, concerti, cantanti veline e soubrette (le quali non sanno nemmeno la differenza tra Polo Nord e Polo Sud) costituiranno il bombardamento quotidiano teso a convincerci della nostra malvagità, in quanto esseri umani che stanno riempiendo di CO2 l’aria.

Io credo che tutto ciò sia un’immensa bufala: sì, una teoria così grande, globale si direbbe (per ironia della sorte), che è quasi impossibile pensare che sia, semplicemente, terribilmente, FALSA!
Per ogni scienziato che sostiene la teoria del Global Warming ce n’è almeno un altro che ne sostiene la falsità, solo che quest’ultimo non ha nessuna visibilità mediatica. Chissà perché, tutti coloro che appartengono al primo gruppo, quello dei catastrofismi, sono scienziati finanziati per le loro ricerche in base ai risultati raggiunti…cioè sono personaggi che gridano al disastro prima di tutto per professione, altrimenti chi gliela dà la pagnotta?
Al contrario quelli del secondo gruppo, i realisti accantonati, sono ricercatori indipendenti, il cui reddito e i cui finanziamenti non sono relazionati all’intensità del grido d’allarme emesso.

Secondo la teoria del Global Warming e i sui tirapiedi, il riscaldamento dell’atmosfera terrestre sarebbe per l’80-90% circa colpa dell’uomo e delle sue attività; inoltre tale riscaldamento si rivelerà catastrofico per la nostra stessa sopravvivenza sul pianeta.
Ora, posto che il riscaldamento è in atto e posto che l’umanità pure secondo me sta inquinando troppo, per il resto questa teoria fa acqua da tutte le parti!
Come dimostrato da tutti gli scienziati del secondo gruppo, tra cui il Professor E. Georg Beck, gli ambientalisti, tra cui le varie star e i vari politici come Al Gore, inseguono solo i loro interessi e vendono all’ingenuo pubblico della massa mondiale dati selezionati apposta per sostenere le loro assurde tesi, “dimenticando” altri dati, che invece sono di segno opposto.
Tanto per fare qualche esempio:
- il riscaldamento globale in atto è iniziato a partire dal 1700, quando le industrie e le automobili ancora non esistevano;
- i dati dei rilevamenti registrano una assoluta NON CORRISPONDENZA tra i livelli di gas serra nell’aria e la temperatura dell’atmosfera (ciò significa che gas come CO2, emessi dall’uomo, influiscono ben poco sull’atmosfera terrestre, che riceve influssi ben più “negativi” dalle stagioni solari, con le quali noi non c’entriamo nulla!);
- i rilevamenti degli ultimi secoli provano che l’aumento del gas CO2 nell’aria è una conseguenza, non una causa dell’aumento della temperatura (!);
- la Groenlandia è una regione attualmente coperta da ghiacci perenni, ma il significato del nome è letteralmente “terra verde”, poiché fino al 1300 circa era terra temperata e rigogliosa; le fonti storiche testimoniano che in Inghilterra, fino al 1200 circa, si coltivava la vite con ottimi risultati; questi due dati storici confermano che in passato la Terra ha vissuto stagioni con temperature ben più alte rispetto a quelle attuali…eppure l’umanità sembra essersela cavata bene (forse Al Gore e Pecoraio Scanio non sanno che nel 1300, quando la temperatura era ben più alta di ora, le industrie…non esistevano);
- negli anni ’70 quegli stessi scienziati “interessati”, gli apocalittici per pagnotta, avevano dato l’allarme per una possibile glaciazione imminente (!!), organizzando convegni e sensibilizzando i vari stati (che ovviamente finanziarono ancor più lautamente per vederci chiaro): questo per capire quanto sono attendibili codesti allarmisti di professione.

La lista delle contraddizioni e delle falle di questa teoria masochista del Global Warming sono ancora molte, ma per ora mi fermo qui.
Ciò che emerge è un interesse economico e politico enorme, unito all’ingenua ignoranza della gente e alla complicità dei mass media (i quali ovviamente son più interessati alle notizie apocalittiche rispetto a quelle tranquillizzanti).
Insomma, come scrive Franco Battaglia in questo articolo di due anni fa: "Quella secondo cui l'uomo avrebbe influenzato i cambiamenti climatici è un'idea – come tutte quelle dei Verdi - priva di fondamento. Semmai, come sempre, sono i cambiamenti climatici ad aver influenzato l'uomo e il percorso della civiltà."

In Italia poi, gli ambientalisti comunisti trovano largo spazio nella tv pubblica, quella stessa RAI che, per mano di uno dei suoi saltimbanchi peggiori (Santoro), mette poi il bavaglio a chi potrebbe far notare certe idiozie propinate ai telespettatori…
E non pensate poi che queste ecoballe non ci costino nulla! Secondo una ricerca dell'istituto di studi macroeconomici americano "Global Insight", il famoso Protocollo di Kyoto costa all'economia italiana una perdita di circa 27 miliardi di euro l'anno: l'equivalente di una finanziaria!!
Salo

78 Commenti:

Anonymous Berto ha detto...

Ora te la prendi con santoro perchè parla di clima??dai..il clima mica è una tematica di destra o di sinistra? E poi scusa non fare lo snob, sotto sotto il concertone del Live Earth te lo guarderai anche tu, magari con sottofondo di Jessica Alba o Scarlett Johansson che ti chiedono di fare una donazione..eheh!:D
Cmq scherzi a parte, io ho letto le teorie degli scienziati da te nominati, e devo dire che il mio prof. di geografia dell'università era d'accordo. la terra è sempre passata attraverso varie ere climatiche, e continuerà a farlo...il problema è che l'uomo sta rapidaente accelerando questi cambiamenti. Catastrofista o no mica mi vorrai dire che l'ambiente e la terra sono in ottima salute? certe iniziative sono lodevoli a prescindere. Poi scusa, meglio un' esagerata preoccupazione che una sprezzante sicurezza!

5:48 PM  
Blogger Salo ha detto...

Berto, se non ti ritenessi una persona intelligente e ragionevole non scriverei una risposta così lunga. Lo facco perchè convinto che su questo possiamo essere d'accordo.

Non me la prendo con Santoro perchè parla di clima, ma perchè lo fa in maniera ideologica e parziale, come sempre... Se vorrai leggere il link troverai la descrizione di ciò che ha fatto.

Non ho detto che l'ambiente è in buona salute, anzi mi sembra di esser stato chiaro. Ho scritto: "posto che il riscaldamento è in atto e posto che l’umanità pure secondo me sta inquinando troppo, per il resto questa teoria fa acqua da tutte le parti!"

Il problema è l'utilizzo di queste falsità catastrofistiche, che va in tre direzioni: l'accumulo di denaro da parte di chi le porta avanti; la raccolta di voti di coloro che riescono a prendere in giro la gente con questa tesi assurda (in Italia i Verdi, negli USA AlGore); le pressioni politiche sugli stati, pressioni che producono danni enormi all'aconomia mondiale (recentemente ho letto qualche stralcio del protocollo di Kyoto: è semplicemente demenziale, ci credo che gli USA si rifiutano di osservarlo alla lettera e per fortuna sennò torniamo all'età della pietra!!).

"il problema è che l'uomo sta rapidaente accelerando questi cambiamenti"

No, l'uomo influenza in quantità minime, insignificanti la temperatura atmosferica. E non è vero che influenza l'accelezione dei cambiamenti. Infatti: 1. esperimenti scientifici su carote (cioè saggi) di ghiaccio della Groenlandia hanno provato che in secoli molto lontani dall'industrializzazione sono avvenuti cambiamenti di temperatura repentini nel giro addirittura di un decennio!; 2. negli anni '70, quando la produzione di CO2 per attività umane arrivò ai massimi livelli, le temperature dell'atmosfera erano ai minimi degli ultimi due secoli (tanto che quegli stessi catastrofisti che oggi gridano al pericolo warming, allora gridavano al pericolo glaciazione!).
Insomma non è l'uomo a determinare questi cambiamenti, ma le fasi solari, che hanno storicamente sempre coinciso con essi.
Noi non c'entriamo nulla e sarebbe ora di finirla con queste storie apocalittiche, le quali hanno come unico risultato quello di farci perdere altri soldi.

"meglio un' esagerata preoccupazione che una sprezzante sicurezza!"

Il Professor Battaglia parla di pericolosissima ideologia ambientalista: infatti gli ambientalisti duri e puri vorrebbero una riduzione del 70% dei gas serra emessi dall'uomo! Sai cosa significa questo? prova ad immaginarlo. Un calcolo attendibile dice che così facendo si dimezzerebbe la disponibilità di cibo sul pianeta, che per noi vorrebbe dire rinunciare ad un pasto...ma per le popolazioni dei Paesi sottosviluppati o in via di sviluppo vorrebbe dire estinzione.
Ancora convinto che questa assurdità della colpa umana rispetto al riscaldamento atmosferico sia..."lodevole a prescindere"?

6:26 PM  
Blogger Massimo ha detto...

Pienamente d'accordo sul fatto che l'ecoambientalismo è diventato un bisiness dove gli squali dell'ambiente non hannonulla da invidiare ai rapaci di altri settori merceologici, quindi difendono il loro utile nè più nè meno di quanto fanno i tanto vituperati "petrolieri".
Mala cosa divertente è che appena finito di lanciare l'allarme ecocatastrofista sulla siccità abbiamo avuto due settimane di pioggia ... :-D

6:44 PM  
Blogger Marco ha detto...

Salo, ti butto lì qualche altro dato interessante.

- ridurre del 5% le emissioni di gas serra nel rispetto del protocollo di Kyoto, ci costerebbe tantissimo e non servirebbe a niente: di fatto, a conti fatti (non da me, ci mancherebbe) vorrebbe dire solo rimandare la catastrofe di qualche anno.
e non si dica che è almeno un passo...perchè allora qualcuno ci dica quali sono gli altri passi da affrontare in successione.

- ma...evidentemente le idee chiare ce le hanno in pochi, anzi, nessuno tra quelli che sostengono la causalità antropogenica del global warming. Al dato che la maggiore concentrazione di co2 sarebbe da collegarsi con le emissioni umane e che queste abbiano quindi determinato un riscaldamento del pianeta, andrebbe accostato quello che vede variazioni di temperature, negli stessi anni e con gli stessi tempi, in relazione alle dinamiche delle stagioni solari. Due ipotesi che confliggono un po' tra loro sulla condicio sine qua non dell'evento riscaldamento.

- e per finire, come tralasciare il fatto che fino a pochi anni fa l'allarme era quello di un raffreddamento globale?

tutte ecoballe che sfruttano la paura nelle persone semplici e che in realtà fanno poi guadagnare una barcata di soldi agli ecoballisti.
lo stesso Rutelli, l'altra sera, da Santoro, lo ha confessato: la ecoindustria produce circa 1000 miliardi di dollari di fatturato! ci sarà quindi un motivo per cui vengono accentuate di più le teorie catastrofiste che le altre...con le altre non ci sarebbe bisogno di vergare libri e girare film da rivendere! eh!

un'ultima cosa: andrebbe inteso che la terra è questa e ogni tanto cambia. Ora, tutto sta nell'adattarsi al cambiamento, non a decidere come fermarlo. Soprattutto quando è impossibile farlo.

pensate solo che coi 150 miliardi di dollari stanziati per l'attuazione di Kyoto si potrebbero sconfiggere aids, malaria e fame nel mondo e dare acqua a tutti quelli che oggi non ne hanno.
e invece...siamo qui a vedere i nostri governanri inseguire una cazzata stratosferica (è proprio il caso di dirlo) che ci lascerà scoperti quando sarà il momento di trovare un rimedio alle possibili evoluzioni negative del tempo sulla terra!

7:21 PM  
Blogger Salo ha detto...

Ciao Massimo!
Ho notato anch'io che l'allarme preventivo lanciato da Pecoraro Scanio è stato un po' troppo precoce visto che poi ha diluviato per 8 giorni di seguito (almeno qui a Parma...)!
E anche questo inutile ed esibizionista stato d'allerta inutile c'è costato soldi...nel suo piccolo ma c'è costato...

8:10 PM  
Blogger Salo ha detto...

Marco, la cosa più scandalosa è proprio lo spreco di soldi per un fenomeno che non dipende da noi! Mentre si potrebbe usare quel denaro per ben altri patti internazionali.

8:11 PM  
Blogger Andrea_teocon ha detto...

wow stupendo questo articolo, e anche questo (come quello su bush) mooooolto scomodo per i benpensanti!

complimenti davvero Salo!

8:55 PM  
Blogger Salo ha detto...

Grazie Andrea! :)

Ero sicuro che avresti apprezzato.

11:43 PM  
Anonymous Berto ha detto...

Grazie per l'apprezzamento alla mia intelligenza salo. Cmq voglio farti un semplice esempio dei danni prodotti dall'uomo, anche se magari potrà sembrarti banale. Sto preparando un esame di storia dell'antico Egitto, il che comprende ovviamente lo studio dei monumenti. Bene, alla fine del 1800 molti di essi erano ancora coperti dei loro pigmenti cromatici originali, e oggi non lo sono più. Lo smog e la crescita smodata delle metropoli cairota ed alessandrina hanno fatto quello che il clima da solo non era riuscito a fare in oltre 3000 anni! Come ti dicevo è un esempio, ma uno dei tanti. Ti sfiora mai l'idea che le teorie di certi scienziati non abbiano risalto perchè potrebbero essere sbagliate? Il vero business economico non è quello degli ambientalisti, ma quello dei potenti che ovviamente pensano prima alla loro economia che al pianeta, Cina e Usa in testa. L'esempio della Groenlandia poi mi sembra un pò stupido...basta aprire un libro delle elementari per sapere che un tempo il Sahara era una enorme prateria così come la Groenlandia e quindi che la terra ha attraversato varie ere climatiche. Se il 99% degli scienziati la vede così un motivo ci sarà, o no?

2:48 PM  
Blogger Salo ha detto...

Berto, l'esempio dell'Egitto rientra in ciò che io stesso ha ammesso. l'uomo inquina troppo. E questo è un discorso. Ma il discorso che io ha affrontato nel post è un altro: qui si sta parlando della teoria del global warming, che vorrebbe mettere in realzione il riscaldamento dell'atmosfera terrestre con le attività dell'uomo. Invece il riscaldamento, che è in atto, con l'uomo non c'entra nulla!

"Ti sfiora mai l'idea che le teorie di certi scienziati non abbiano risalto perchè potrebbero essere sbagliate?"

No guarda Berto, qui le idee che si sono dimostrate sbagliate sono proprio quelle degli stessi catastrofisti che 30 anni fa gridavano al pericolo glaciazione! Dai sono ridicoli! e nonostante questo trovano sempre gli spazi mediatici maggiori!

"basta aprire un libro delle elementari per sapere che un tempo il Sahara era una enorme prateria così come la Groenlandia e quindi che la terra ha attraversato varie ere climatiche."

Bè allora si vede che gli scienziati catastrofisti e i politici alla Al Gore di libri ultimamente non ne hanno aperti, visto che scambiano ogni cambiamento climatico naturale per una catastrofe causata dall'industria!

"Se il 99% degli scienziati la vede così un motivo ci sarà, o no?"

Questa domanda che fai è la prova evidente della linea culturale impostaci: tu, cittadino normale, hai avuto giustamente l'impressione che gli scienziati catastrofisti siano i più numerosi. Certo: in tv fanno parlare solo loro!
Ma non è assolutamente vero che la maggioranza degli scienziati sia catastrofista, anzi!

3:19 PM  
Anonymous Berto ha detto...

Aspetta un attimo..dici che quindi surriscaldamento e raffreddamento sono in contraddizione giusto? Ma non dovrebbe essere così...il surriscaldamento provocherebbe lo scioglimento dei ghiacci ok? Bene, la diminuzione della percentuale di salinità nell'acqua dovuta all'acqua dolce riversatasi negli oceani causerebbe quindi un alterazione delle correnti che regolano il nostro clima, corrente del golfo in primis. Senza questa corrente il clima europeo diverrebbe polare, mentre quello africano rigoglioso. Se non ho capito male funziona così, come illustrato dal film "The day after tomorrow", che aldilà delle cazate inserite dentro (del resto è un film americano), è basato su questi studi, anche se accelerati. Mamma mia mi sento un pò Celli un pò Angela :D

8:47 PM  
Blogger Salo ha detto...

"dici che quindi surriscaldamento e raffreddamento sono in contraddizione giusto?"

Non dico che sono in contraddizione: dico che provano come l'attivitò umana non c'entri nulla con essi! dico che chi venti trenta anni fa gridava al pericolo glaciazione ora grida al pericolo riscaldamento: oggi come allora usa proiezioni che non sono certe, ma vengono presentate come tali dai media, ed oggi come allora questi catastrofisti incolpano le attività antropogeniche, ingorando dati che invece negano la responsabilità dell'uomo.

10:29 PM  
Blogger Salo ha detto...

Berto insomma mi sembra di averne esposti di dati, mi sembra di averne dati di riferimenti: non ho parlato sulle nuvole!
Prendi anche solo il fatto che l'innalzamento delle temperature è iniziato nel '700: già solo questo dovrebbe farti venire moooolti dubbi su come AlGore e i suoi amici scienziati ingurgitafinanziamenti abbiano selezionato i dati che facevano loro comodo...
Nel 1700 non c'era nemmeno l'ombra di una ciminiera sul pianeta Terra...

10:33 PM  
Blogger Marco ha detto...

Berto, nel 1300 la groenlandia era descritta come "la terra verdeggiante"...e oggi è invece ricoperta dai ghiacci!

il clima ha le sue regole e dubito che l'uomo possa stravolgerle.
forse, dico forse, per arrivare a metà strada tra le idee di tutti, le può accelerare. Ma si parla di anni. Pochi anni. Tant'è che il protocollo di Kyoto rimanderebbe la catastrofe, tipo, al 2101 invece del 2100!
non si tiene conto poi che è previsto per 2020 un fenomeno che caratterizza le dinamiche del sole: la usa attività andrà affievolendosi, mentre oggi è oltremodo in aumento, facendo sì che si avranno stagioni più fredde.

ecco: se l'uomo contribuisce non lo fa certo in maniera determinante, come in maniera determinante non è nemmeno in grado di interrompere un processo climatico!

10:07 AM  
Anonymous L'ALTRA ROSSA ha detto...

SENTI IO SONO UN APPASSIONATO DI METEO ESTREMO,MI GARBANO I TORNADO IN IN MODO PARTICOLARE.DICONO CHE A BREVE TALI FENOMENI DIVENTERANNO FREQUENTI,INSOMMA AVREMO ANCHE NOI LA NOSTRA TORNADO ALLEY.PERO'IO FINO AD ORA NON HO VISTO GRANCHE'.INTORNO ALLA META' DEGLI ANNI 80,HO VISTO UN INCREDIBILE E SPETTACOLARE SERIE DI TROMBE MARINE.POI PIU' NULLA.INSOMMA ORA MI SAREI ASPETTATO QUALCOSA DI SPETTACOLARE INVECE,LA MIA FOTCAMERA NUOVA DOVRA' ASPETTARE IL PURO CASO COME SEMPRE.

12:37 PM  
Blogger Salo ha detto...

Marco, sottoscrivo.


Altra Rossa, se vuoi vedere certi fenomeni mi sa che ti conviene fare una vacanza negli USA ;)

1:54 PM  
Blogger Van der Blogger ha detto...

Beh caro amico mio, dovresti mandare una lettera Beppe Grillo... ;-)

Ciao

7:01 PM  
Blogger Salo ha detto...

Van, preferisco aspettare io la sua... ;)

Ciao

7:39 PM  
Anonymous l'altra rossa ha detto...

Prima o poi ci andrò. ;D

8:43 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Sarebbe stato meglio che i "grandi della terra" avessero capito prima ciò a cui stavamo andando incontro e avessero stipulato dei patti firmati da tutti. Ma la cosa più importante sarebbe stata che questi accordi venissero rispettati... E' inutile adesso piangersi addosso. D'altronde oggi USA, UE, Cina, India e compagnia buttano tanta di quella merda nell'aria da avere reso il fenomeno del surriscaldamento praticamente incontrollabile. Tutto per venire incontro all'interesse di pochi prendendo a calci in culo quelli delle generazioni successive (noi compresi).
Il protocollo di Kyoto non serve più a niente? Boh...
Chissà se fosse stato stipulato qualche anno prima, ma soprattutto, FIRMATO dai governi di tutti gli stati con le maggiori emissioni di gas.

9:13 PM  
Blogger Luca ha detto...

Caro Salo, quello che davvero mi fa ridere è che c'è qualcuno come l'anonimo qui sopra, che pur di salvare in extremis una teoria che fa acqua da tutte le parti, dice che ormai è troppo tardi, ma che se ci fossimo mossi prima ora si potrebbe ancora recuperare..

Ma insomma, i romani 2000 anni fa andavano in giro con la tunichetta leggerina tutto l'anno e coltivavano la vite nel nord della Francia dove adesso sarebbe impensabile. Ciò implica che facesso molto, ma molto più caldo di oggi. E senza gli Usa e l'UE che inquinano. A me questa informazione basterebbe. Anche se sono convinto che qulcuno tirerà fuori che Tacito o Plauto non siano fonti attendibili. Certo, non essendo adepti di Pecoraro Scanio.... ;)

Ciao!

9:23 PM  
Blogger Luca ha detto...

Ah, Ps: chi non ha firmato Kyoto, come gli USA, sono gli unici stati che, prove alla mano, stanno effettivamente riducendo le emissioni.
E non è vero che è stato quel cattivone di Bush a non firmarlo. Clinton ha detto che mai e pooi mai avrebbe messo a repentaglio l'economia americana per siglare un protocollo senza fondamento scientifico.

9:25 PM  
Anonymous Berto ha detto...

Ah ridaje con la Groenlandia!! Ma allora siete fissati! Ma che cavolo c'entra! Prendersela con Gore perchè cerca di fare qualcosa per l'ambiente è stupido. Teorie o non teorie che qualcuno si muova è ora. Le vostre spiegazioni sembrano più giustificate da quelli che preferiscono non mettere a rischio la propria economia qunado la terra è di tutti. Iniziative come Live Earth, Live Aid prima ed 8 dopo sono sempre e cmq lodevoli. Buona musica, costo zero e impegno per il sociale.

9:28 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Bestiale perchè c'è chi come LUCA che fa tanto il brillante, colto, quello che ha studiato, insomma, si mette a sfottere la gente perchè ha solo espresso la sua opinione.

E poi io non ho citato ne Bush ne chi per esso, facevo considerazioni in generale... è verissimo che fu Clinton il primo non firmatario del trattato ma Bush ha avuto più volte l'occasione per rettificare le posizioni USA... e non l'ha fatto.

E poi, caro luchino, svegliati! Siamo nel 2007! dimenticati degli antichi romani! emergi dai libri di storia, che è ora! guarda come va il mondo adesso, non 2000 anni fà! e chiediti il perchè...

10:11 PM  
Blogger Salo ha detto...

Luca, ovviamente sono d'accordo con te, ma come vedi c'è chi salta a due piedi i dati scientifici da me portati nel post e prosegue nella sua battaglia tutta ideologica, fregandosene dei dati reali.
Grazie per essere passato.

10:18 PM  
Blogger Salo ha detto...

Anonimo, non capisco il tuo intervento: hai riesposto la teoria del global warming che tutti conosciamo, con la sua accusa alle attività umane, ma non hai nemmeno abbozzato una risposta vera a quanto da me sostenuto nel post: cioè che tale teoria è falsa! E soprattutto non hai nemmeno provato a rispondere ai dati da me riportati nel post: dati scientifici che cozzano con le teorie catastrofiste e con la presunta responsabilità umana del riscaldamento.

"Siamo nel 2007! dimenticati degli antichi romani! emergi dai libri di storia, che è ora! guarda come va il mondo adesso, non 2000 anni fà! e chiediti il perchè..."

Questa tua affermazione poi, dimostra che non hai capito assolutamente nulla riguardo i termini del dibattito, o fai finta di non capire. Io e Luca non ci riferiamo agli antichi romani o al Medioevo così per sport o perchè abbiamo un debole per la Storia, ma piuttosto perchè il clima ben più caldo di quei due momenti storici dimostra che: 1. anche a quei livelli di temperature l'uomo è vissuto benissimo, senza nessun problema; 2. non essendoci allora fabbriche, l'uomo non aveva nulla a che fare con quel riscaldamento, ergo pure quello in atto (ben più lieve) è assolutamente naturale e slegato dalle attività umane.

10:25 PM  
Blogger Italian Wisher ha detto...

Ehi ehi ehi... cosa sono ste litigate multimediali?
Raga, è inutile farci il sangue amaro, tanto quel che è stato firmato è firmato. Al limite, se anonimo ha ragione, fra 50 anni avremo un Tirannosaurus Rex come animaletto da appartamento... che sarà mai? No, scherzo...

Seriamente: Salo, bel post! Comunque, dato che al mio pianeta ci sono affezionato, spero che quali siano le cause (umane, aliene, gas e via dicendo) i vari fenomeni come i mutamenti di clima e lo scioglimento dei ghiacci si arrestino perchè c'è da cagarsi un pò sotto.

10:31 PM  
Blogger Italian Wisher ha detto...

Ah Salo, una cosa che non c'entra un cazzo con l'argomento... però tu come me sei abbastanza appassionato di videogames, giusto?
Ricordo che un pò di tempo fa mi dicevi ke eri interessato alla 360 o alla PS3.
Stanno uscendo un botto di giochi che sono una figata unica, ne ho parlato un pò sul mio blog.
Facci un giro e valuta un pò perchè ne vale proprio la pena!

Fra poco esce anche Unreal Tournament 2007! Ti ricordi come ci rincoglionivamo a casa tua con UT 2003?

10:37 PM  
Blogger Salo ha detto...

"Ah ridaje con la Groenlandia!! Ma allora siete fissati! Ma che cavolo c'entra!"

Ma Berto tu leggi le mie risposte o no? è la terza volta che te lo spiego! La Groenlandia c'entra eccome, perchè è una prova del fatto che in passato la Terra ha avuto temperature ben più alte delle attuali, senza che ci fossero industrie e senza che l'uomo si estinguesse! L'importanza della Groenlandia in particolare poi è confermata dal fatto che tutti gli scienziati, sia catastrofisti sia scettici hanno ritenuto fondamentale per i loro studi effettuare lì (e non altrove a caso) dei carotaggi nel ghiaccio.

"Prendersela con Gore perchè cerca di fare qualcosa per l'ambiente è stupido."

AlGore non sta cercando di fare qualcosa per l'ambiente, ma sta solo facendosi un sacco di soldi e di pubblicità, attraverso un film che spara sul pubblico culturalmente non attrezzato balle colossali e dati a volte manipolati altre volte presi selettivamente!

"Iniziative come Live Earth, Live Aid prima ed 8 dopo sono sempre e cmq lodevoli."

Singole iniziative come quelle per far diminuire l'inquinamento certo che sì.
Iniziative propagandistiche per le teorie catastrofistiche in particolare no!
Decisioni politiche basate su tali teorie mai provate no! no no no che non sono sempre lodevoli e anche qui ho già spiegato il motivo!
Per colpa del protocollo di Kyoto, l'Italia perde ogni anno 27 miliardi di euro!!!! Ti sembra "lodevole" questo?
E se si attuassero tutte le misure richieste dagli ambientalisti catastrofisti la catastrofe ce la faremmo da soli, perchè eliminare il 70% delle emissioni (come vorrebbero i catastrofisti duri e puri) vorrebbe dire dimezzare le risorse alimentari del pianeta: noi salteremmo un pasto al giorno, il Sud del mondo morirebbe LETTERALMENTE di fame!!!! Anche questo ti sembra "lodevole"? Anche iniziative tese a questo bel risultato ti sembrano "lodevoli"?

10:40 PM  
Blogger Salo ha detto...

Ciao Wisher! Infatti io non nego che certi cambiamenti climatici siano in atto...solo che l'uomo non è la causa di essi, ma la vittima. Allo stesso modo non nego che l'uomo stia esagerando con l'inquinamento e che esso vada ridotto, ma non per questo bisogna fare follie economiche (anche perchè dove c'è povertà non ci potrà mai essere cultura ambientale e rispetto per la natura).

Per quanto riguarda il resto...ora arrivo...

10:44 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Veramente sull'etimologie del nome "Groenlandia" ci sono diverse teorie:

http://en.wikipedia.org/wiki/Greenland#Etymology

Ma non mi pare di leggere che fosse questa gran foresta verde, a parte per un breve periodo:

http://en.wikipedia.org/wiki/Medieval_Warm_Period

un periodo di riscaldamento anomalo nella zona nord dell'Europa...
Beati voi che siete cosi' certi delle vostre verita', io credo solo che inquinare un po' meno non faccia male.
E credo che non sia vero che meno inquinamento = medioevo, pensate non serva cervello e tecnologia per inquinare meno?

Gabriele

4:29 PM  
Anonymous siro ha detto...

Io leggo con piacere gli articoli di Franco Battaglia e in effetti sì, mi sono convinto che quella del global warming sia una specie di fregnaccia. La cosa più divertente è che negli anni 70 gli ecologisti isterici sostenevano il contrario: e cioè che la Terra stesse andando incontro a una micro-glaciazione. C'è una copertina di Newsweek, piccola Bibbia della sinistra americana, con la statua della libertà coperta di ghiaccio e un titolo del tipo: "New York, 2010". La mia proposta è che i media la smettano di occuparsi del clima. Punto. Il meteo sia relegato alle previsioni del tempo e alle chiacchiere da bar, tipo che non ci sono più le mezze stagioni.

8:53 PM  
Blogger Bruno ha detto...

Sei un grande sai?
Nobis

10:43 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Matteo ciao
e` questo blog solo per i giovani? Ed allora ti lascio. Vivo negli Stati UnitI, nata in Italia. Quello che mi tiene fiera dell`Italia son giovani come voi.
Un abbraccio Liliana USA

11:38 PM  
Blogger Salo ha detto...

Gabriele, credo di essermi spiegato abbastanza. Ripeto per l'ennesima volta che l'inquinamento sì esiste e sì è giusto combatterlo.
Ciò che non è giusto è l'ideologia ambientalista che vuole incolpare l'uomo per qualcosa che è assolutamente naturale (cioè il cambiamento climatico) e costringerlo a perdite economiche le cui prime vittime risiedono nel Terzo mondo.
Non ti piace l'esempio della Groenlandia? Bene non mi sembra di essermi fermato ad esso: di dati nascosti dai catastrofisti ne ho esposti parecchi...e dovrebbero farti riflettere...

3:16 AM  
Blogger Salo ha detto...

Siro, sono d'accordo: è una fregnaccia...solo che ci girano attorno tanti soldi...e quindi dubito che i media molleranno l'osso...

Ciao

3:18 AM  
Blogger Salo ha detto...

Ciao Bruno!
Grazie e grazie per la visita!

3:18 AM  
Blogger Salo ha detto...

Liliana, quasto blog è per tutti quelli che amano la libertà e che non hanno paura della verità!
Tu sei la benvenuta! e ti invito a commentare tutte le volte che vuoi!
Un abbraccio

&

GOD BLESS AMERICA!

3:35 AM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Giusto per aggiungere dubbi sull'esattezza delle teorie ambientaliste sul riscaldamento/glaciazione piu' o meno future del nostro pianeta causato dall'uomo, un articolo del corriere che mi sembra assai interessante...

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2007/02_Febbraio/02/newton.shtml

Saluti

3:40 PM  
Anonymous Berto ha detto...

E io ti ho detto che non c'è bisogno di citare la Groenlandia per sapere che la terra ha vissuto altre fasi climatiche lo so già!!Mah vabbè...tu stai qui a polemizzare, io me ne vado al concerto!
P.S. Non parlare del sud del mondo come se alla gente importasse veramente qualcosa, che tanto si sa che ai potenti non gliene fotte un tubo. Iniziative simili sono nate in primis per loro.

7:44 PM  
Blogger Luca ha detto...

Caro Salo, ho dovuto preparare un paio di esami per l'università e sono stato lontano dala discussione su questo tuo post.

Il fatto è che c'è chi confonde me e te che contestiamo le teorie che illustrano il surriscaldamento globale e che ne attribuisconno la colpa all'uomo, con degli inquinatori folli che se ne sbattono del futuro. Non serve specificare che non è così, ma lo faccio ugualmente. Non è così!

Il surriscaldamento globale non esiste, o almeno non esiste così come descritto dai pseudoambientalisti dell'ultimora come Gore e Moore. Si cerca di attribuire all'uomo la colpa di qualcosa che accade ciclicamente da migliaia di anni per cause che prescindono dallo smog delle fabbriche o delle auto. Ma ovviamente ciò non vuol dire che possiamo continuare ad avvelenare l'aria e l'acqua del nosro pianeta. Smog e schifezze varie che produciamo vanno ridotte, ma non perchè innalzano le temperature medie del pianeta, ma perchè fanno male a noi, e al pianeta, quindi indirettamente facciamo del male pure alle generazioni future.

C'è chi, come dici anche tu, salta i dati scintifici a piè pari, utilizza nomignoli per prendere in giro la gente (mi chiamo Luca e non luchino) e afferma che bisogna uscire dai libri di storia. La storia, invece, dovrebbe insegnarci a riconoscere i nostri errori passati, laddove ce ne soo stati, e a riconoscere gli attuali se ne stiamo commettendo. Se i romani usavano tuniche di lino tutto l'anno, implica necessariamente che le temperature erano mediamente più alte di oggi, quado pensare di uscire di casa a gennaio con la tunica e degli infradito è da scemi. Mi pare logica, non indice del fatto che non vivo nel presente...

Buona giornata.
Luca.

3:05 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo sei un idiota: l'inquinamento fa venire disastri e tumori, il giorno che anche a te viene un cancro sarai un pò meno critico nei confronti degli ambientalisti!

7:04 PM  
Anonymous Berto ha detto...

No blocco, non è questione di essere idioti, ma strafottenti, ed è l'atteggiamento che gran parte del mondo ha. Fino che uno non ci sbatte la testa non capisce. Dire che la terra ha vissuto varie ere climatiche non giustifica una teoria e un dato di fatto, cioè che l'uomo sta compremettendo quelle fasi accelerandole, scagionare l'uomo per i mali della terra è mentire a se stessì. prendersela con Moore (che cavolo c'entra lui col clima poi non si sa) e Gore mi sa più di un odio politico che altro.

8:31 PM  
Blogger Luca ha detto...

Berto, Moore c'entra per il fatto che non fa altro che attaccare Bush sulla politica ambientale, per il fatto che non ha firmato Kyoto ecc, tutte stupidaggini colossali.

Se poi ci aggiungiamo il fatto che Gore ha fatto un documentario fazioso, falso, incompleto (avrà imparato da Santoro?), direi che le motivazioni bastano e avanzano. Soprattutto mi pare che prescindano da moivazioni politiche.

Mi domando solo come pensate di giustificare il fatto che queste modificazioni cicliche ci sono sempre state. Mi domando come giustifichiate il fatto che in pieno boom economico (ovvero dagli anni 50 ai 70) si fosse creata una situazione climatica che veniva definita una "imminente glaciazione" dagli stessi che oggi, in periodi di recessione economica parlano di global warming per un aumento delle emissioni industriali.

Dire che c'è una glaciazione perchè scende la temperatura per qualche anno e che finiremo tutti cotti perchè per qualche altro sale mi ricorda molto i servizi di Studio Aperto...

11:46 PM  
Anonymous l'altra rossa ha detto...

Sapete,la riflessione sui romani,è una osservazione interessante.

1:25 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Cazzo! Salo sei uno scienziato? Le tue argomentazioni che porti sono assurde e parziali!!!

6:15 PM  
Anonymous l'altra rossa ha detto...

Cmq Salo,fai benissimo ad usare la testa.Di solito la gente da tutto per buono.

7:56 AM  
Blogger Angelo ha detto...

Io non sono uno scienziato ne altro, ma da quel poco che ne so il riscaldamento globale non è una diretta conseguenza dell'effetto serra? Cioè noi si inquina, si segano gli alberi che così non possono convertire la co2 in ossigeno, il buco nell'ozono si allarga, i raggi solari arrivano in quantità maggiore e faticano ad andarsene = le temperature si alzano; a grandi linee non è forse così? quindi mi sembra che l'inquinamento influsica eccome, però forse mi sbaglio...

12:06 PM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco:

1. io non ho insultato nessuno, quindi vedi di star calmo e di non darmi più dell'idiota, non me ne frega se sei un mio presunto amico, alla prodssima ti cancello.
Se sei in astinenza di educazione non è questo blog il posto in cui sfogarti.

2. come al solito prima commenti e poi forse leggi il post. Ti ricordo che l'ordine da usare sarebbe l'inverso.

3. io non ho mai detto che l'inquinamento sia una cosa belkla o che non esista o che non vada combattuto. Ho sostenuto un'altra cosa: la teoria del global warming che accusa l'uomo per un fenomeno naturale è una cazzata, che ci fa perdere soldi e aggrava le condizioni del terzo mondo.

4. le mie argomentazioni sono assurde e parziali? ah sì? e perchè' accusi solo senza argomentare...veramente mi pare di aver provato che chi tace certi dati son proprio gli ambientalisti e gli approfittatori come Al Gore.

5. io non sono uno scienziato, infatti ho riportato dati di scienziati, dati un po' scomodi certo...

4:25 PM  
Blogger Salo ha detto...

X Angelo

"il riscaldamento globale non è una diretta conseguenza dell'effetto serra?"

Questo è quello che ci fanno credere. Ed è quello che pure io credevo fino a qualche mese fa...poi ho iniziato a cercare i dati dei test e a leggermi le inchieste di certi fisici ed esperti che chissà perchè nessuno chiama mai in televisione...

"a grandi linee non è forse così? quindi mi sembra che l'inquinamento influsica eccome, però forse mi sbaglio..."

E già mi sa proprio che ti sbagli...Angelo non devi rispiattellarmi la teoria che fa dell'uomo un mostro cattivo che crea l'effetto serra: la so già!
Ciò che dovresti fare è parlare dei dati scientifici che ho riportato e che confutano questa teoria...o trovi un modo per negarli...oppure non dico che dovresti darmi ragione, ma certo qualche dubbio dovrebbe venirti...!!!
Ribadisco: rifletti sui dati che ho riportato.
E ribadisco di nuovo per l'ennesima volta: ovvio che comunque anch'io sono contro l'inquinamento in generale e ritengo che andrebbe diminuito...ma da qui ad incolpare l'uomo per un processo natirale come i cambiamenti climatici!


"Cioè noi si inquina, si segano gli alberi che così non possono convertire la co2 in ossigeno, il buco nell'ozono si allarga, i raggi solari arrivano in quantità maggiore e faticano ad andarsene = le temperature si alzano"

Gli anni '70 son quelli in cui abbiamo inquinato di più...e allora la temperatura scese, tanto che i catastrofisti gridarono al pericolo glaciazione...e io dovrei fidarmi di sti buffoni? Basta questo a negare il rapporto inquinamento-temperatura atmosferica.

4:32 PM  
Blogger Salo ha detto...

Luca, ovvio che sono d'accordo con te...ma del resto è ovvio che tutti siano colpiti dalla possibilità che i catastrofisti si sbaglino: guardano tutti la tv, e in tv ci fanno credere che la TEORIA del riscaldamento causato dall'uomo sia una verità assoluta...senxza mei far parlare gli scienziati che questa TEORIA la sbriciolerebbero in due minuti.

E poi casualmente tutti gli scienziati catastrofisti sono quelli che ricevono finanziamenti periodici in base ai risultati delle ricerche ed alle "emergenze climatiche"...!
insomma, o gridano allarmi di continuo...oppure addio soldi!
La loro attendibilità è: 0.

4:36 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Hai detto bene presunto amico: non voglio essere amico di un idiota come te che spara cazzate contro chi giustamente cerca di preservare dalla merda prodotta dalle industrie il poco di buono che c'è su questa terra: poi con delle teorie di un grandissimo scienziato come sto cipparolo di Beck!!!!!!!!!! Che forza, alla prossima mi cancelli!!! cazzo la mia vita non avrà più senso... figa dovresti cancellare tu la marea di stronzate che hai scritto!!!
Io sarò in astinenza da educazione ma tu sei astinenza di neuroni bello!Figa hai citato gli scienziati burletta esilaranti... cazo certo le industrie cinesi e americane ecc... non stanno facendo il buco nell'ozono e non hanno abbattuto la foresta amazzonica... ma dove cazzo le trovi le tue fonti??? All'Upim??? è chiaro che se ci contraddissi con le teorie della Hack tu diresti che è una comunista del cazzo.. le tue teorie le hai cercate su google così: "Global Warming+ cazzate+ male"???
Te l'ho detto il giorno che ti arriva un bel cancro ai coglioni poi ce le spieghi un pò le nuove teorie sull'inquinamento?

3:01 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Volevo concludere dicendo che Berto ha perfettamente ragione e a parte Angelo, mi sembra l'unico rimasto normale su sto blog di schizati!

3:14 AM  
Anonymous max ha detto...

ecco mi riferisco a quelle persone che sono state insultate da salo, vedete che non si puo ragionare con lui? appena si dice qualcosa che vada contro le sue idee subito ti attacca..altro che liberta di parola..
salo guarda che non hai sempre ragione tu, come avevo detto all'inizio sei solo un invasato che fino a quando trovi persone che la pensano come te allora va tutto bene e sei un figo quando invece si cerca di argomentare hai i paraocchi, spero almeno che gli altri blogger abbiano capito il modo in cui sei fatto...poverino mi fai quasi pena....

9:00 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Cazzo, non do affatto torto a Max,mi sembra ce abbia assolutamente ragione...

11:36 AM  
Blogger Giovanni ha detto...

Finalmente riesco a postare su questo blog... :D purtroppo dato il tipo di connessione che ho, questo è stato il tempo più breve per cui sono riuscito a postare un commento decente, dopo aver letto (spero, perché mentre scrivo sono off-line) tutti gli altri.

In linea di massima sono d’accordo con il discorso di Berto.
Questa discussione sul Global Worming (di seguito G.W.) mi fa tornare alla mente una lezione di religione che ho fatto in seconda superiore. In quel caso era la fede il discorso principale. Non mi ricordo i “protagonisti principali” di questa storia (ma sono famosi, quindi qualcuno può sicuramente suggerirmeli) li chiamerò quindi A e B.

A crede in Dio, mentre B è ateo. Incontrandosi si trovano a parlare proprio della propria fede e B, si “vanta” con A di avere una sua verità assoluta che non si appoggia su fandonie come l’aldilà. A allora gli pone davanti un ragionamento molto pratico: “Se il paradiso non esite, ed io credo, non ci perdo niente come te. Ma se il paradiso esiste ed io ho fede, io andrò in paradiso, mentre tu finirai all’inferno. Di conseguenza se io credo non ho niente da perdere e tutto da guadagnare, ma se non ho fede non ho niente da “vincere” e tutto da perdere.

Ora, questa storia, pur paragonabile alle due teorie del G.W. (A Catastrofista e B Innocentista) non prende in considerazione quello che è il lato economico del G.W., ma credo che se i paesi più industrializzati -o quantomeno quelli del G10- volessero destinare dei soldi ai paesi dove si muore di fame (come dici tu Salo), lo farebbero con o senza fondi stanziati per il G.W.). Come dice Berto, forse sono veri i dati riportati da Salo e quindi non esiste nessun G.W., tuttavia penso che a ridurre un po’ la CO2 nell’atmosfera, le piogge acide, l’inquinamento e le PM10 abbiamo solo da guadagnarci e niente da perderci.

Se poi ci sarà qualcuno che su queste cose ci guadagna non sarebbe né il primo, né l’ultimo! Sarebbe semplicemente qualcuno che è riuscito a fare soldi a spese degli altri. Sempre meglio di gente che abbiamo direttamente qua in Italia e che di soldi ce ne ruba a quintalate e non diciamo niente (Vedasi C.D.A. di Telecom, Fiat, Alitalia, e compagnia bella!). Ma questa è un’altra storia...

Continua a scrivere Salo! Ci sentiamo presto!

2:21 PM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco, non ti rendi conto che qui si vuol fare una discussione civile e l'unico che non riesce a farla limitandosi ad insultare senza motivo sei tu! Hai qualche problema di convivenza civile caro.

L'Angelo non è d'accordo e ha espresso civilmente la sua opinione. Berto idem, ecc.
Tu no! Tu devi dare dell'idiota alla gente per sentirti importante. E questo non mi pare un comportamento da amico, visto anche che è pure una discussione pubblica.

3:43 PM  
Blogger Salo ha detto...

Max, parli come se conoscessi sto blog da una vita, ma...si può sapere chi sei e chi ha chiesto il tuo parere????

"persone insultate da salo"??? Guarda che qui l'unico che è stato insultato sono io! Sai leggere? Dov'è che avrei insultato qualcuno?
Pazzesco, non solo mi becco gli insulti di qualche incivile complessato con la doppia personalità causata dalla vigliaccheria e con l'insulto facile per carenza di schiaffi, ma poi arriva pure questo a dirmi che sarei IO (!!!) che insulto! Ma pensa te...che gente...

"quando invece si cerca di argomentare hai i paraocchi"
Max, magari qualcuno avesse argomentato, invece no: qui tutti hanno ribadito la teoria antropogenica del global warming, ma SENZA parlare dei dati da ma riportati, SENZA argomentare nulla!
E ti chiedo di nuovo: ma sai leggere?? già perchè qui nessuno, a parte me e quelli che la pensano come me, hanno "argomentato".

3:52 PM  
Blogger Salo ha detto...

Giovanni, alla tua obiezione ho già risposto: non è vero che non ci perdiamo nulla...solo l'Italia ci perde 27miliardi di euro l'anno!!! Il protocollo di Kyoto è un ammasso di assurdità e Bush senza sottoscriverlo ha ridotto le emissioni USA molto più del predecessore democratico Clinton.
Inoltre ripeto che l'applicazione per filo e per segno di quanto detto dai catastrofisti provocherebbe il dimezzamento della disponibilità alimentare...questo ti sembra buono a prescindere?

3:58 PM  
Blogger Giovanni ha detto...

Tanto per quei ventisette miliardi di euro troverebbero un altro modo imbecille per buttarli via... almeno facciamolo per qualcosa che ha una parvenza di utile e non per fare megastronzate come il Mose!

11:27 PM  
Anonymous Frank77 ha detto...

Giovanni, il Mose è tutto tranne una stronzata.
O preferisci vedere Venezia sommersa dal mare?

2:35 PM  
Anonymous Frank77 ha detto...

Salo, si vede che il tema dell'ambiente è molto sentito, hai fatto il record di post.

2:38 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Max ha ragione, il complessato che vuole sentirsi importante con le sue stronzate sparate a random sei tu!!!
che cazzo c'entra che sono tuo amico, cristo di dio, se sei un coglione esageratamente filoamericano, anti ambientalista è mio dovere morale farlo notare, pirla!
Mentre qua stai a sparare stronzate sull'inquinamento il mondo sta collassando là fuori, è la colpa è di persone come te... vergognati...

6:58 PM  
Anonymous Frank77 ha detto...

Salo ho capito perchè Blocco ha scelto questo nome,perchè ha un blocco mentale a discutere civilmente.

8:52 PM  
Blogger Salo ha detto...

Giovanni, il Mose è forse l'opera pubblica più importante ed utile del Paese, sono d'accordo con Frank.

Frank, sì l'ambiente è un argomento molto sentito e sono contento per il numero di commenti. Peccato che Blocco si rifiuti di dialogare civilmente, cosa che se vuole è perfettamente in grado di fare. E peccato che molti non vogliano leggere ciò che scrivo e si inventino cose che non ho mai detto.

4:45 PM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco, puoi criticarmi quanto vuoi e se hai da controbattere sei liberissimo di farlo: non pretendo che tutti la pensino come me, anzi il blog è fatto apposta per scambiarsi pareri.
Il problema è che tu fin dal primo commento mi hai insultato, non hai dialogato: e questo non ha senso!

4:47 PM  
Anonymous l'altra rossa ha detto...

Salo,sai poi alla fine quale è stato il risultato della campagna ambientalista fino ad ora? Semplice quella di far CHIUDERE le varie fabbriche sotto accusa, non quella di mettere a norma ma di MANDARE A CASA.E mandare a casa chi? Gli OPERAI!
A me questo ambientalismo spicciolo fa schifo.

12:37 PM  
Blogger Cugio36 ha detto...

Il MOSE è una megastronzata come ho detto, non tanto per il "cercare di salvare venezia" che da un certo punto di vista è anche giusto, ma dal modo in cui è stato progettato.

Lo sapete le paratie sono incernierate sul fondo del mare. Queste paratie sono rimovibili per la manutenzione, e fin qua l'idea è lodevole. Ma voi lo sapete che le cerniere sono ancorate irremovibilmente al blocco di cemento sul fondo della laguna?? e se se ne rompe o danneggia una che si fa?

Senza parlare del "Consorzio Venezia Nuova" che è stato creato anitcostituzionalmente per abbattere completamente la concorrenza, traduco: Le imprese al posto di fare la gara di appalto hanno costruito un consorzio ed il consorzio si è presentato da solo alla gara ottenendo appunto l"appalto... e così un'opera che poteva basare il suo prezzo su una offerta al ribasso ha semplicemente puntato al prezzo che permetteva ai "consorziati" di ottenere gli utili maggiori.. ma tanto siamo in italia ed il mose lo pagano i cittadini...

Avete presente inoltre cosa vuol dire fare manutenzione ad un impianto del genere sott'acqua ed il rapido degrado che la struttura avrà dato appunto la corrosività del sale?

In ultimo venendo appunto al post, mettiamo che il livello del mare aumenti anche solo mezzo metro... sapete che fine fa il mose???? va sott"acqua anche lui.. cosa facciamo??? cambiamo tutte le paratie tra qualche anno???

Ma per favore!!! Il mose é e resterà un'opera che poteva essere intelligente

10:37 AM  
Anonymous Homo Sapiens ha detto...

salve, fondamentalmente anch'io mi sento un anti catastrofista e ritengo che, in merito ai cambiamenti in atto, il peso degli eventi naturali sia di gran lunga superiore a quello dell'operato umano ma vorrei sapere cosa ne pensate della ricerca del WWF sintetizzata nel "Living Planet" del 2006 di cui riporto un breve brano: "Il Rapporto 2006 sul
Pianeta Vivente conferma che stiamo utilizzando le
risorse del pianeta più rapidamente di quanto queste
riescano a rinnovarsi. Gli ultimi dati disponibili (che
risalgono al 2003) indicano che l’impronta ecologica
umana, il nostro impatto sul pianeta, è più che triplicata
dal 1961. La nostra impronta ecologica supera ormai di
circa il 25% la capacità che ha il pianeta di rigenerarsi.
Le conseguenze di questa crescente pressione sui
sistemi naturali della Terra sono prevedibili e disastrose.
L’altro indice di questo rapporto, l’indice del pianeta
vivente, mostra una perdita rapida e continua di
biodiversità – dal 1970 circa un terzo delle popolazioni
di specie vertebrate si sono estinte. Ciò conferma i trend
precedenti.
Il messaggio di questi due indici è chiaro ed urgente:
negli ultimi 20 anni abbiamo superato la capacità della
Terra di sostenere i nostri stili di vita: dobbiamo fermarci.
Dobbiamo bilanciare i nostri consumi con la capacità del
mondo naturale di rigenerarsi e di assorbire i nostri
rifiuti. Se non lo facciamo, rischiamo danni irreversibili."

3:27 PM  
Blogger Cugio36 ha detto...

bypassando l'attendibilità o meno di questi dati (prendiamoli per veri, non voglio star qui a discutere), il discorso rimane lo stesso. Se ci limitiamo un poco nel consumo di risorse credo che non abbiamo niente da perderci, ma solo da guadagnarci...

fondamentalmente è quello che ho detto nel post precedente

9:35 AM  
Blogger Salo ha detto...

Cugio, il Mose è un opera fondamentale per salvare Venezia: non puoi definirla come una "megastronzata"! Al massimo si può indicare la sua perfettibilità, ma la sua utilità non credo sia in discussione...a meno che tu non sia un iscritto ai Verdi, ma allora lì la convinzione è patologica... ;)

12:48 PM  
Blogger Salo ha detto...

un'opera...scusate è la fretta... ;)

12:49 PM  
Blogger Salo ha detto...

Homo Sapiens, benvenuto sull'Isola!
I dati che riporti sono significativi: stiamo inquinando troppo e s questo siamo d'accordo.
Ciò che però ho voluto sottolineare nel post è che tra il nostro inquinamento e l'aumento (?) della temperatura non c'è nessuna connessione: non tiriamoci addosso colpe che non abbiamo e non diamo retta a quei malati di mente dei catastrofisti, la stessa gente che negli anni '70 gridava allarme allarmeper una imminente glaciazione (ovviamente anche quella colpa nostra!!!!)!

12:52 PM  
Blogger Cugio36 ha detto...

Sul fatto che a venezia serva una soluzione non ci piove... che il mose sia la soluzione giusta è tutto da vedere, come ho scritto ;)

Ciao Salo!

3:35 PM  
Anonymous Raggi ha detto...

Ciao sono uno studente del corso di scienze ambientali è un pò ne so (non che sia un esperto anzi).
E'vero, su questo riscaldamento globale sono state dette un sacco di cazzate, e soprattutto vengono riportate dai media in modo parziale o completamente errato.
Però è innegabile che questo surriscaldamento c'è e non si può certo dire che l'uomo non sia uno dei maggiori responsabili.
Per quanto riguarda le variazioni di temperatura che avvengono nel corso dei secoli, sono provocate da leggere oscillazioni dell'asse terrestre che modifica l'incidenza dei raggi solari sulla superficie, ma queste variazioni avvengono in tempi molto molto lunghi, e sono variazioni che non hanno nulla a che fare con con il riscaldamento di oggi, che è troppo repentino.
E quando si dice che negli anni 70 c'è stato un rapido abbassamneto delle tempereture ( si parla sempre di qualche grado C°), le cause possono essere le più svariate (basti pensare che alcune eruzioni vulcaniche possono immettere nell' atmmosfera talmente tanto pulviscolo da oscurare parzialmente l'atmosfera e abbassare la T media del pianeta di qualche grado C°(pensa un pò te se tutto quello che l'attività umana emette nell'atmosfera non influisce sul pianeta..)).

ciao

5:03 PM  
Blogger Salo ha detto...

http://siro.ilcannocchiale.it/post/1598706.html

12:57 PM  
Anonymous Anonimo ha detto...

Per chi volesse approfondire la tematica sul clima, sull'energia consiglio la lettura di limes giugno 2007 è ancora presente in libreria se non in edicola.

7:57 PM  
Blogger gix ha detto...

Per me le ere e l'innalzamento o l'abbassamento drastico di temperatura possono essere solo imputabili alle stagioni solari ed essere anche drastici, mentre la co2 e altri gas serra che aumenteranno in continuo alterano il clima a livello di aree o periodi, modificando in modo innaturale il clima della bassa troposfera. Vedi maggiori periodi di siccità, fenomeni dalle caratteristiche più violente e persistenti..leggere anomalie positive più frequenti rispetto al passato. Poi è ovvio che ogni campana tiri al suo mulino, ma si è, come quasi sempre da un'estremo ad un altro :)Saluti!

3:12 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page