lunedì, febbraio 05, 2007




Inchieste e ricerche scientifiche condannano l'aborto.






“Elemento costante degli abortisti è la falsificazione dei dati, la manipolazione della verità al fine di presentare la soppressione di una vita umana innocente come necessaria per la salvaguardia della vita, della salute, della libertà della donna. Niente di più falso. Difesa della vita e difesa delle donne non sono assolutamente in antitesi, affermare questo da parte di medici che conoscono i dati è mentire, sapendo di mentire.
Si afferma che la legalizzazione dell’aborto fa cessare l’aborto clandestino, ma questo è falso, in Italia, dopo 29 anni di aborto legale e oltre 4.600.000 aborti legali, l’Istituto Superiore di Sanità stima in 20.000 il numero di aborti annui clandestini (Relazione del ministro della salute sulla attuazione della legge contenente norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza (legge 194/78) anno 2006).
I dati dell’OMS riferiscono che la mortalità materna (la mortalità delle donne nel periodo dall’inizio della gravidanza fino al quarantaduesimo giorno dopo il termine della gravidanza, condotta a termine, o interrotta) in Portogallo, Irlanda e Polonia, dove l’aborto è illegale, è mediamente più bassa rispetto a quella dei tre paesi confinanti, rispettivamente Spagna, Inghilterra e Repubblica Ceca.
Inoltre c’è uno studio che ha definitivamente fatto cadere il presunto ruolo ‘salvifico’ dell’aborto nei confronti della donna. In Finlandia sono stati valutati i decessi di tutte (non di campioni) le donne in età fertile entro un anno dal termine della gravidanza; è risultato che le donne che abortiscono volontariamente hanno una mortalità tripla rispetto a quelle che partoriscono, con un tasso di suicidi del 700% (Gisler M, Berg C, Bouvier-Colle MH, Buekens P.Am J Obstet Gynecol. 2004 Feb; 190(2):422-7).
Lo studio del professor Fergusson , condotto controllando una mole di cofattori, ha mostrato l’aumento d’incidenza della depressione e dei disturbi d’ansia nelle donne che abortiscono (Fergusson DM et al. J Child Psychol Psychiatry. 2006 Jan;47(1):16-24).

Sulla base delle evidenze è acclarato che l’aborto è nocivo per la salute delle donne.”







dottor Renzo Puccetti
Specialista in Medicina Interna

37 Commenti:

Anonymous Blocco ha detto...

Ok Salo... ma la prossima volta che metti incinta una squinzetta ti conviene di conseguenza diventare papà Salo...

10:15 PM  
Blogger Salo ha detto...

Non si parla di persone, ma di atti. E l'atto dell'aborto è un omicidio (non lo dico io, ma la scienza). Non basta una legge per coprire l'ingiustizia della soppressione di un diritto (e del più importante per giunta, cioè quello alla Vita).

Il post in particolare è un'intervista, rilasciata da un medico che certo ne sa più di noi, e che soprattutto non si limita a dire la sua, ma cita fatti e ricerche. In particolare riguardanti le relazioni tra l'atto abortivo e la salute della donna.
Prenderne atto sarebbe onesto.

11:08 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Sarà anche onesto vecchio mio ma l'aborto resta e deve restare l'emblema dei diritti acquisiti dall'uomo (e soprattutto dalla donna) del secolo scorso... per una volta che il partito radicale ha agito bene, dai...

11:53 AM  
Blogger Salo ha detto...

Il diritto di fare che? di uccudere un bambino prima che nasca? E me la chiami conquista questa?
Guarda che non parlo per partito preso, ma per informazioni acquisite: tutte le ricerche scientifiche dimostrano che il feto è un essere umano, che prova sentimenti e dolore fisico.
Ora le ricerche provano anche che gli abortisti sbagliavano pure sul secondo fronte del dibattito: quello della salute della donna. E ancora, non sono io a dirlo, ma ricerche scientifiche citate con nome e cognome (nel post). A questo punto continuare a difendere l'aborto è come chiudere gli occhi di fronte all'evidenza.

12:25 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, ti ripeto che a livello morale ecc.. puoi anche avere ragione (secondo me no, però hai argomentato così bene...) ma ti ripeto che se mettessi incinta una sedicenne (e so che lo farestimolto volentieri... almeno dallato della inseminazione...;-) ) non staresti tanto ad argomentare sull'aborto... lo faresti e basta... oppure (caso borderline) dopo uno stupro...

4:09 PM  
Blogger Salo ha detto...

Sì ma questi sono i classici esempi estremi che sono poi serviti solo per arrivare alla licenza più totale in materia.
Se davvero erano questi i problemi si poteva fare una legge solo riguardante i casi di stupro...e invece ora ci troviamo con 5.000.000 di aborti!

6:12 PM  
Blogger Bobo ha detto...

mi sembra un discorso un po' astruso: il mio vicino di casa mi sta antipatico, lo accoppo. Dovrei sperare in una legge che liberalizza l'omicidio dei vicini di casa?Se per fare le leggi pensiamo non a ciò che è giusto, ma a ciò che è facile (Harry potter... le mie citazioni stanno scadendo parecchio...) staremmo freschi. seconda cosa: perchè l'aborto è un diritto acquisito della donna? in Italia più del 50% degli abortiti è femmina, in Cina e in India si arriva all'80%...Poi con questi discorsi si dimostra una cosa essenziale: non è il diritto della donna che ci interessa, è il diritto dell'uomo di fare i suoi porci comodi.

8:56 AM  
Blogger Salo ha detto...

Bobo, hai ragione: si spaccia per diritto della donna quello che in realtà è un attentato alla sacralità della Vita.
Su altri argomenti, come l'eutanasia, il discorso è complesso, ma sull'aborto c'è solo una cosa da fare: studiare i risultati di tutte le ricerche scientifiche ed ammettere l'unica verità che emerge: il feto è un essere umano e l'aborto è un omicidio. Punto.

11:30 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo... Dio non esiste la vita non è sacra... è solo una tort di merda dove la chiesa rappresenta la fetta più grossa... il feto è una sacca informe è l'aborto è l'equivalente sociologico di portare fuori la spazzatura il lunedì sera d'estate. punto.

2:32 PM  
Blogger l'altra rossa ha detto...

Beh Blocco,sei davvero convinto a quanto pare...a me sembri pessimista di carattere.
Ti immagino sempre con un velo di tristezza (nel tuoio io)che qualche volta consoli con una bella sbronza.
Sai quante volte ho rinnegato totalmente Dio?Quanto ho bestemmiato,che se non mi fa la grazia stò fresco.
Eppure sarò un pazzo, un vigliacco che cerca costantemente la rassicurazione da Dio,non lo so.
E poi mi chiedo: "se realmente non ha fede una persona,non soffre di più?"Perchè vi sono momenti nella vita in cui tutto precipita,e non te lo aspetti magari.E'in quel momento che io "invidio"chi ha una fede vera.

9:12 AM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco, io non sto assolutamente facendo un discorso ideologico o religioso. Sto facendo un discorso scientifico, oggettivo, e ti chiedo scusa se non sono stato chiaro sulla parola "sacra": certo per me la Vita è sacra anche dal punto di vista religioso, ma qui lo intendevo in un altro senso: quello civile (del resto anche la nostra legislazione ad ogni livello la ritiene tale). Scusa ancora se non ero stato chiaro.

Per il resto ribadisco appunto che il mio discorso non parte da una convinzione a priori, ma dalla visione dei risultati delle ricerche mediche: ti chiedo solo di non barricarti tu dietro le tue convinzioni a priori! Non puoi dire che il feto non è nulla, perchè la scienza (non io, non la Chiesa) ti sbugiarda! Dalla fine degli anni '80 le ricerche vanno tutte in questo senso: il feto è un essere umano, capace di percepire ciò che avviene attorno a se, di soffrire, di ricordare, di immagazzinare dati sensoriali, di avere sentimenti. Se non ti fidi posso citarti qualche ricerca...

9:41 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Certo il feto è un essere umano... per gli scienziati di matrice religiosa... mentre non lo è per quelli atei... non dire che non è vero salo (basta vedere 10 minuti di dibattito in tv...) E anche se veramente lo fosse? Quanti omicd efferati e volenti si commettono ogni giorno nel mondo.... l'aborto spesso può essere un atto di amore per non mettere al mondo un figlioin una situazione magari socialmente e umanamente allucinante... so che questa mia affermazione genererà maree di critiche, però...

X l'altra rossa: Ti assicuro che il velo di tristezza nel mio io non ce l'ho e ese anche ce l'avessi che cazzo ne sai tu??? vengo io a dirti con che umore devi alzarti la mattina??? Ma si può!... che gente... comunque ti assicuro che la mia vita la vivo bene...Esco, bevo (ma non per affogare la tristezza te l'assicuro, anzi..), mangio, faccio sesso, guido a fari spenti nella notte (come diceva battisti...) Comunque io non sono pessimista di carattere, sono solo realista.. Il fatto che uno cerchi la rassicurazione di dio nel momento di sconforto è solo il retaggio di una cultura cattolica che con le sue spire tentacolari ci avvolge da millenni... non l'ho detto io questo, ma Oriana Fallaci... Vatti a leggere la Rabbia e l'Orgoglio se non l'hai già fatto... Mi spiace Salo ma la tua amatissima Oriana era una atea mangiapreti... non puoi negarlo...

11:40 AM  
Blogger Salo ha detto...

No no: per tutti gli scienziati!
Sai quanti medici che negli anni '70 erano abortisti, a causa delle recenti scoperte, ora sono divenuti dubbiosi o addirittura antiabortisti?

Sulla Fallaci, so benissimo che era atea, ma ciò che diceva lo condivido comunque al 99%, anche riguardo ai preti! Ma sai quante litigate epocali faccio io ogni settimana contro quei cazzo di preti progressisti (cioè filocomunisti) o ottusi che mi ritrovo in convitto?? poi certo ce ne sono altri con cui vado d'accordo.
Io ammiro Oriana, e questa è la prova che non decido a priori; allo stesso modo anche tu non sai cosa ti perdi se, di fronte ad un cattolico, ti chiudi intellettualmente in ogni caso: non devi fare così! prima ascolta, poi se caso mandalo a cagare e probabilmente io ti seguo...ma non in tutti i casi!

1:07 PM  
Blogger l'altra rossa ha detto...

Si l'ho già letto,ma non voglio farmi gli affari tuoi,anzi riesci a starmi simpatico.
Da parte mia nessun rancore cmq.
Oriana,quanto l'hanno denigrata,hanno cercato di attribuirle di tutto,avevo anche iniziato con Bobo e Ago86 a cercare se certa cose a lei attribuite fossero state reali,in particolar modo su una frase sulle crocifissioni hanno cerscato di sputtanarla.
Si era Atea,ed era anche a conoscienza del suo male, figuratevi se avrà avuto degli interessi a scrivere quello che ha scritto.

1:18 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Essere atea non è un male, anzi... moltissimi grandi pensatori, come ho già detto lo sono... Uno per tutti Margherita Hack... basta questo nome...

X Salo: hai ragione amico, bisogna prima prima aprirsi alle idee, io lo faccio con i preti, poi arriva uno come il don Livio a Sparare le sue stronzate (hai ragione, un prete progressista mi fa + schifo di uno tradizionalista, è doppiamente ipocrita... E non vale se il prete ti risponde che è nella chiesa x cambiarla dall'interno: Salvador Allende diceva: "Chi afferma di asservire una dittatura per combatterla dall'interno non è migliore da chi la dittatura l'ha creata") e io lo rimando nella sua parrocchia con il il crocifisso infilato nel....

4:32 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

X Salo: Sono magari dubbiosi ma non tutti sono antiabortisti...

4:33 PM  
Blogger l'altra rossa ha detto...

"Conoscienza del suo male,"
"Essere atea non è un male"

Intendevo,come suo male,il cancro.

6:55 PM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco, tanto per fare qualche esempio citando in maniera precise ricerche scientifiche, non opinioni: i dati provenienti da alcune recenti ricerche neurobiologiche dimostrano la predisposizione del feto a riconoscere e memorizzare suoni e segnali provenienti dal mondo esterno (Mehler, 1988; Oliviero Ferraris, 1990; Fabbro, 2004).

Queste prime forme di memorizzazione, per quanto elementari e primitive, dimostrano quanto precocemente l’essere umano sviluppi capacità mnemoniche e, di conseguenza, forme di apprendimento(Fabbro, 1996; 2004).

E ribadisco che questi sono solo alcuni esempi, poi ci sono altre ricerche sul dolore e gli stati d'animo del feto, altre sulla sua soppressione e poi ovviamente quelle sulla salute della donna (alcune delle quali citate in questo post dal dottore citato).

A questo punto sostenere ancora che il feto non è nulla e che l'aborto è una conquista per la salute della donna significa davvero voler chiudere gli occhi!
Non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire...

Poi o non t'icazzare per ciò che ho scritto eh, solo che se si è obiettivi non dico che bisogna diventar subito antiabortisti...ma quantomeno smetterla di dire che il feto non è nulla!
...solo questo...

7:27 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

X l'altra rossa... meno male, lo speravo anche se non era chiarissimo...

11:17 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, non mi citare ricerche pedagogiche sul bambino... è come se io cercassi di insegnarti storia dell'800... Sinner negli anni '50 è riuscito a fare piangere un bimbo di 6 anni solo mostrandogli un coniglietto di pezza grazie al condizionamento operante... se è riuscito a trasformare in fantoccio un bambino così grande allora un feto cosè... un fagiolo???

11:20 AM  
Blogger l'altra rossa ha detto...

Sarà,ma quando si stà per aver una new entry in famiglia c'è sempre una grande emozione.A prescindere dalla sacralità o meno,si può parlare di rispetto per l'essere.
Il feto non è un essere?Io le eco le ho viste, le ho ascoltate,e alla nascita vi ho assistito.
Vivo a contatto quotidiano con disabilità anche gravi,non sorprenda se rimango contrario anche in questo caso.
Anch'io sono riuscito a far piangere un bambino,mostrandogli un pupazzo di pezza solo che era una tigre di mia figlia,si stava davvero spaventando,ma non riesco a comprendere l'esperimento di cui parli,non riesco a metterlo in relazione con l'aborto.(SKINNER)

2:30 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Era un "per assurdo..." se un bambino di tale età è così labile, nell'utero è un fagiolo non pensante...
Pensate una cosa: se per la chiesa è già tanto un essere umano perchè i bimbi morti prima dei sacramenti finiscono nel Limbo?...

2:50 PM  
Blogger Salo ha detto...

Blocco, in realtà il limbo non ha mai fatto parte dei dogmi cattolici. E' stato intodotto nel Medioevo come ipotesi da S. Tommaso e reso famoso dalla commedia di Dante Alighieri.
Recentemente, per chiarire in maniera definitiva l'equivoco, la chiesa ne ha negato l'esistenza ed ha ammesso di non conoscere la fine di quelle anime non battezzate, affidandole alla misericordia divina.
Infatti nel documento ufficiale del Catechismo cattolico il limbo non compare.

Comunque io non volevo fare un discorso religioso, ma oggettivo: per questo ho indicato alcune delle tante ricerche scientifiche che mostrano il feto come essere umano ed altre (nel post) che provano l'effetto negativo dell'aborto sulla salute della donna.

4:09 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Hai ragione ovviamente sul limbo, lo sapevo ma era una provocazione... tuttavia lo stesso Papa non ha mai chiarito la posizione... i bimbi morti senza sacramenti dove finiscono??? questo lo ammetterai..

10:51 AM  
Blogger Salo ha detto...

Sì sì certo, non è mai stato chiarito e mai lo sarà: gli ultimi documenti ufficiali si limitano ad affidare queste creature alla misericordia di Dio.
Del resto non è che ci siano regole ferree a noi rivelate: sappiamo solo che i più malvagi e perseveranti peccatori non godranno del Paradiso, cioè della luce del volto di Dio. Ma poi sui dettagli...appunto, meglio affidarsi al suo perdono, visto che comunque nessuno può essere certo a priori di salvarsi...

11:17 AM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, ma dai... ti rendi conto che tutte le cose che non sa spiegare la chiesa lo bolla come mistero?? Kant:"Che cosa ho diritto di sperare?" La chiesa "è un mistero..." è un mistero?? grazie tante... non l'avevo capito...

1:26 PM  
Blogger Salo ha detto...

Sì certo che me ne rendo conto: per questo serve la Fede. E per questo seguo Kierkegaard, che non credeva più di tanto nell'organizzazione ecclesiale, ma piuttosto nel proprio personale salto verso Dio.

3:54 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, però se dici così sembra che la fede sia ignoranza voluta, scegliere di restare nel limbo del sapere...

5:26 PM  
Blogger Salo ha detto...

No la Fede non è ignoranza, perchè nella Fede non c'è nulla che sia in contrasto con la ragione, anzi casomai la Fede parte dalla ragione ed aggiunge, per chi vuole aprirsi a Dio, qualcosa in più!

La ragione già ci indica la presenza di un disegno a noi superiore, l'esistenza di un creatore dietro ogni cosa. Per chi crede, o almeno per me, questa indicazione è divenuta certezza.
Ma non pretendo che lo sia per tutti, giacchè parte da un'indicazione, non da una prova assoluta. Del resto, se ci fosse una prova assoluta, dove sarebbe il merito di chi crede?

10:04 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, la fede ci fornisce anche facili risposte preconfezionate che ci costringono amettere da parte il nostro spirito indagatore.... Ogni volta che mettiamo in dubbio uno dei dogmi ci viene risposto che è "mistero" della fede... rendiamo grazie a Dio... Ave Maria, grazia plenam, Dominus tecum...

9:34 PM  
Blogger Salo ha detto...

Ma se fosse tutto a noi conoscibile, quale sarebbe la differenza tra noi e Dio?

Attento, perchè ti incammini verso un certo peccato commesso da un certo Adamo, personaggio simbolico (così come simbolico è quasi tutto l'Antico Testamento), ma comunque molto rappresentativo.

10:37 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Vedi è proprio quello che ti volevo dire!!!
Utilizziamo un libro "Sacro" scritto da 4 pisquani 2 millenni fa che sebbene dica cose belle, ma anche un sacco di stronzate, noi riusciamo addiritura a peggiorare le stronzate che dice interpretandole male...
La chiesa nella storia ha sempre temuto i liberi pensatori:
Galileo, Copernico, Lutero, Savonarola... tutti colpiti dalla chiesa gretta e ignorante che temevala loro apertura e laloro intelligenza, la loro capacità di "riscrivere" le sciocche verità assolute contenute in un libro vecchio di secoli... e ancora oggi quel libro ci Blocca...

9:15 PM  
Blogger Salo ha detto...

Copernico e Galilei erano scienziati, che c'entano con l'interpretazione delle scritture?Comunque la Chiesa ha ammesso gli errori del passato e ha chiesto scusa.
La Bibbia, oltre ad essere un libro a tratti poeticamente stupendo, è il libro sacro e quindi non può essere riscritto. Prima di tutto perchè non ce n'è bisogno. Infatti esso contiene tutti gli episodi chiave per comprendere l'uomo, nella sua grandezza e nella sua piccolezza.
Certo, vanno letti alla luce del presente. E, certo, bisogna considerare simbolicamente (e non alla lettera) molti passi dell'Antico Testamento, ma non si può in alcun modo mettere in discussione, per noi cristiani. Per chi non crede invece, non è di alcun intralcio, anzi, può essere usato come guida quantomeno morale.

Savonarola era un pazzo, tanto che i suoi stessi concittadini amici dopo un po' non lo sopportarono più: la sua fine non ha nulla a che fare con la Chiesa (che anzi gli offrì la carica di vescovo), ma è legata a cause esclusivamente politiche...e mentali del soggetto...
Lutero era un grande pensatore, ma resta il fatto che travisò il vero messaggio del vangelo.

E comunque, per tornare al discorso del mistero, è ovvio che esso vi sia. Poichè Dio è superiore a noi in tutto, ovviamente lo sarà anche nel pensiero, e così resterà sempre una parte del suo disegno per noi non comprensibile.

11:04 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo ho citato Cop. e Galilei soloper mostrare quali grandimenti nella storia siano state tarpate e limitate dalla Chiesa...
"Comunque la Chiesa ha ammesso gli errori del passato e ha chiesto scusa."... Ok Salo, ti investo con la mia Opel, poi mi accorgo che sotto imiei nuovi cerchi in lega da 14" (Lo so che ti piacciono... mi fanno eccitare quei cerchi...) ci sei tu, ammetto l'errore e mi scuso con te... tutto a posto...

"un libro a tratti poeticamente stupendo"... Salo nel Levitico c'è scritto che è vietato mangiare aragoste... dimmi tu dove sono i tratti migliori...

"Poichè Dio è superiore a noi in tutto, ovviamente lo sarà anche nel pensiero, e così resterà sempre una parte del suo disegno per noi non comprensibile."... e se fosse tutto + semplice???? se Dio non fosse comprensibile semplicemente perchè non esiste?????

8:59 PM  
Blogger Salo ha detto...

Libero di credere che non esista!
Ma poi non lamentarti se c'è sempre qualcosa che la scienza non arriva a spiegare...

12:45 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Salo, la scienza non ci arriva per i limiti umani, non plerchè è mistero della fede...... Hanno svelato anche il terzo mistero di Fatima: era la formula della Coca Cola...

7:55 PM  
Blogger Salo ha detto...

Bella questa1
Comunque, per me la scienza non ci arriva, perchè la Natura (in senso lato) è stata creata da un'intelligenza superiore: quindi è ovvio che l'uomo, con la sua intelligenza, non arrivi a comprebndere ogni cosa.
Se tu non credi nell'intelligenza superiore, cioè in Dio...va bene così: liberissimo!

9:03 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page