lunedì, aprile 16, 2007


Riporto qui sotto una breve parte dell’intervista che l’americano Bruce Bawer, un liberal, ha recentemente rilasciato al quotidiano “L’Occidentale”.



“L’anti-americanismo europeo risale alla nascita stessa degli Stati Uniti. Allora prese le forme di un forte antagonismo di parte dell’aristocrazia europea verso una moderna democrazia che veniva avvertita come una minaccia per i privilegi di casta e per l’assetto monarchico di molti governi. L’”aristocrazia” di oggi, quella sinistra europea che domina gran parte della politica, dei media, delle università e della burocrazia, ha ereditato quello snobismo di fondo. Proprio come le monarchie del 19° secolo temevano la minaccia della nuova democrazia americana, l’etablishment europeo di oggi teme il confronto tra la democrazia liberale americana e il vecchio sistema socialdemocratico.
I media europei hanno compiuto un capolavoro fornendo sistematicamente un’immagine falsata degli Usa, al punto che chiunque oggi voglia essere preso sul serio in Europa si sente obbligato a mostrarsi pensosamente critico dell’America.”






6 Commenti:

Blogger Van der Blogger ha detto...

Salo, azzeccato... oggi se in europa sei filoamericano, sei di uno di bassa lega...

Ciao

12:56 PM  
Anonymous Blocco ha detto...

Non la penso così... anzi, spesso le intellighenzie europpe si dividono (ammetto + verso la sinistra) ma si dividono tra filo americani e antiamericani..

4:12 PM  
Blogger Luca ha detto...

Se davvero si dividono, ma non ne sono del tutto convinto, le proporzioni sono di 10 a 1, non di più.

Se sei filoamericano sei un guerrafondaio, ignorante, che mangia solo hamburger e patatine. Certa gente è così infarcita di stereotipi che ormai non se ne rende nemmeno più conto...

Buona serata.
Luca.

6:06 PM  
Blogger Salo ha detto...

Van, purtroppo è come dici e mi semnbra che vada sempre peggio...
Ciao

Luca, effettivamente i pacifinti vivono di pane e stereotipi...
Buonaserata

Blocco, non dico che non esistano filoamericani; dico invece che la sinistra europea, ed italiana in particolare, mostra tutta la sua arretratezza anche in questo: l'antiamericanismo più atavico e viscerale. Un sentimento di odio e qualunquismo che non permette ai pacifinti di vedere cose evidenti (come l'impossibilità di instaurare un dialogo con chi ha come solo scopo quello di distruggerci perchè troppo democratici) o di ammettere dati di fatto (come l'importanza degli USA nella difesa della libertà e nella diffusione della democrazia nel mondo) o di recepire esperienze storiche (come il fallimento clamoroso e sanguinoso dell'unica alternativa al capitalismo: il Comunismo).
In questo coltivare odio verso chi ci ha salvato il culo più volte (Prima e Seconda Guerra Mondiale; piano Marshall; Guerra Fredda; ...), gli antiamericani-pacifinti sono aiutati dai massmedia europei, in gran parte sempre pronti a creare scandali che coinvolgano gli USA e particolarmente abili nell'ingigigantirne gli errori (mentre invece sono pochi a far trapelare i veri scandali, come quello della propaganda antioccidentale che certi imam di casa nostra ci fanno sotto gli occhi tutti i giorni, o come quello della Cina che fomenta il genocidio in Darfur)!
Spero di essermi chiarito.
A presto amico

11:42 PM  
Blogger Monica ha detto...

Ma perchè si può essere antiamericani e non anticinesi, ad esempio ?

E perchè si può essere filopalestinesi e non filoisraeliani ?

Io credo Salo che esista un "a prescindere" nella sinistra mondiale che permea la sua ideologia, senza obbiettività, senza considerare ciò che l'Italia rappresenta, in termini di credibilità, all'estero.

Ecco, noi ci arroghiamo il diritto di sentirci su un piedistallo quando invece non siamo neppure su un marciapiedi.
E non possediamo neppure l'umiltà di dire "Grazie" a coloro che troppe volte ci hanno salvato in corner.

Abbracci

8:42 PM  
Blogger Salo ha detto...

Cara Monica, anche la notizia di quel viaggio ridicolo sul sito di Luca conferma l'arretratezza mentale (oltre che storica) della sinistra da te descritta.

Un abbraccio

10:24 PM  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page